“Rievocazione dell’antica tradizione della tosatura; una fattoria didattica per bambini e adulti che hanno voglia di riscoprire le tecniche di uno dei mestieri più antichi e di come questo si sia trasformato ai tempi nostri”

di Domenico Battisti e Luigina Battisti

L’arrivo della primavera porta con sé un graduale risveglio della natura, il volo e cinguettio degli uccelli sono il primo chiaro segnale, l’esplosione di colori e molecole di emozioni inebriano i nostri sensi e un mondo rurale che ricomincia pian piano il suo perpetuo e frenetico lavoro.

All’interno di piccole società, rimaste genuine e fedeli alle proprie tradizioni, l’arrivo della primavera porta anche il risveglio di antiche attività, di mestieri apparentemente lontani, sopravvissuti ai giorni nostri come quello della tosatura.

La tosatura è uno dei momenti più intensi delle comunità pastorali delle nostre terre, un vero momento di festa e riappacificazione con l’ambiente, un rito che consente di rafforzare e trasmettere valori e tradizioni di una cultura che il tempo non riesce a mutare nei suoi caratteri essenziali, seppur offuscati e declinati da un progresso che detta sempre nuove regole e ritmi.

Per questo motivo, l’associazione “Poggio Bustone a colori” sta promuovendo una giornata rievocativa dell’antica tradizione della tosatura; una fattoria didattica per bambini e adulti che hanno voglia di riscoprire e vedere, in prima persona, le tecniche di uno dei mestieri più antichi e di come questo si sia trasformato ai tempi nostri.

Una tradizione che negli ultimi anni, un po’ per necessità, ma ancor più per una profonda e sincera riscoperta di questi mestieri intramontabili, sta riscuotendo nuovo interesse e dedizione da parte dei più giovani che, terminati gli studi, decidono di riavvicinarsi a queste pratiche.

La festa della tosatura, che si svolgerà nelle giornate di sabato 22 e domenica 23 aprile presso la zona artigianale di Poggio Bustone, vuol essere un appuntamento didattico e goliardico alla riscoperta della nostra cultura: una giornata di coinvolgente armonia con le nostre tradizioni e i nostri valori.

Poggio Bustone, da sempre noto per le sue eccellenze gastronomiche, vanta anche una delle più grandi comunità di tosatori operanti in tutta la nostra penisola, squadre di giovani e meno giovani che in questi periodi lasciano le proprie famiglie per spostarsi dove i pascoli sono più abbondanti.

A dare il via alla manifestazione parteciperà la Banda Orchestra di Poggio Bustone per iniziare con visite guidate tra i mastri tosatori che illustreranno vecchie e nuove tecniche, proseguendo con un salto obbligato all’ovile per la mungitura, concludendo la visita al caseificio dove si potrà assistere alla lavorazione del formaggio.

L’intera manifestazione proseguirà nel pomeriggio con degustazione di prodotti locali a chilometro zero accompagnata da musica, balli e animazione per i più piccoli, seguiti da operatrici esperte, in un parco immerso nel verde e attrezzato con ampio parcheggio.

clicca sulla foto per leggere il programma della festa