Santa Maria Assunta

La cattedrale di Santa Maria Assunta è duomo della città e sede vescovile della diocesi omonima. Alcuni ambienti del duomo e delle sue adiacenze fanno parte del percorso espositivo del Museo diocesano dei Beni Ecclesiastici.

La primitiva cattedrale di Rieti risale al VI secolo ed era dedicata a Santa Maria. Questa venne rifatta nel corso del XII secolo dal vescovo locale Benincasa e fu consacrata da papa Onorio III il 9 settembre 1225.

La cripta, comunemente detta basilica inferiore, per la sua grandezza e per il fatto di trovarsi a livello del piano stradale, fu edificata fra il 1109 ed il 1157, e consacrata il 1 settembre del 1157 dal vescovo locale Dodone. Il campanile fu innalzato nel XIII secolo, mentre il battistero è del XIV secolo: risale al 1458 il portico che collega il battistero al duomo.

Le iniziali architetture romaniche subirono lievi modifiche nel corso dei secoli successivi, in particolare con l’aggiunta di dieci cappelle laterali, di cui 2 nel transetto ed 8 nelle navate laterali.

La cupola fu aggiunta nel 1794, mentre la decorazione interna con finti marmi è del 1884, opera di Cesare Spernazza. La facciata principale dell’edificio si affaccia con il portico e il campanile su Piazza Cesare Battisti, sulla quale si affaccia anche il Palazzo Vincentini, sede della prefettura, caratterizzato da un giardino all’italiana.

Il portico della facciata ha anche una doppia arcata che dà su Piazza Mariano Vittori, su lato destro della chiesa. Sulla piazza si affacciata il Palazzo Vescovile, praticamente attaccato all’edificio della cattedrale. Quest’ultimo è caratterizzato dalla facciata a capanna preceduta da un portico con due arcate a tutto sesto e volta a crociera, sormontato da un loggiato con tetto a spiovente poggiante su pilastri e colonnine; nella parte superiore della facciata, si apre un rosone circolare.

Il palazzo Vescovile è affiancato a sinistra da Via Cintia, lungo la quale si trova l’arco di Bonifacio VIII; la facciata che dà su questa strada è c!aratterizzata dalle finestre rinascimentali con cornice in marmo che danno luce al piano nobile.

Nella cappella di Santa Barbara, protettrice di Rieti (il cui corpo è venerato, in bellissima urna marmorea, nell’altare maggiore della cattedrale), la statua in marmo è su disegno del Bernini.

Cattedrale, Rieti