Le temperature sono alte perciò è arrivato il momento di conoscere a fondo la prima tratta dell’Alta Via dei Monti Carseolani pernottando in tenda.

Partendo da Castel di Tora percorreremo il sentiero che ci porterà al piccolo borgo di Stipes (1000 m circa). Da qui raggiungeremo la faggeta con scorci panoramici verso il Terminillo ed il lago del Turano fino alla vetta del Monte Aquilone, il primo dei Monti Carseolani.

Molteplici vallette di altura ci permetteranno di salire alla seconda vetta, M. Porraglia, dalla quale sarà possibile osservare il versante est verso i Monti del Cicolano (1300 m. circa).

Scendendo verso sud ed oltrepassando una bellissima pineta arriveremo a Fonte Raina, dove pernotteremo presso l’antica fonte e dove troveremo una macchina precedentemente parcheggiata con tende, materassini e ciò che servirà per cenare .

Il giorno seguente raggiungeremo la vetta delMonte Navegna (1508 m), il più alto dei Carseolani, dalla cui cima sarà possibile ammirare sia il lago del Salto che il lago del Turano. Proseguendo lungo un crinale raggiungeremo la Forca di Varco (con una deviazione sarà possibile raggiungere i ruderi diMirandella), prima di entrare nella bellissima Valle dell’Obito, con i suoi meravigliosi boschi di cerri, carpini e castagni, fino al borgo di Ascrea. Qui con un ponte macchina sarà possibile tornare al punto di partenza.

1^ Tratta – Difficoltà E / Dislivello 700 m / Percorrenza 14 km
2^ Tratta – Difficoltà E / Dislivello 450 m / Percorrenza 16 km

Info e prenotazioni:
Umberto 338 -7863690
Andrea 346 – 1841515
camminandocon@gmail.com

Quota escursione€12 + cassa comune€18 (comprende 2 pranzi al sacco – 1 cena – ponte macchina): totale€30

1° APPUNTAMENTO: Ore 7,30 metro Rebibbia – car sharing
2° APPUNTAMENTO: Ore 9,00 Bivio Castel di Tora

TESSERA FederTrek: obbligatoria: €15 – validità 12 mesi.
COSA PORTARE: Materassino – Tenda – Sacco a pelo.
ABBIGLIAMENTO: Scarpe da trekking obbligatorie, è consigliabile vestirsi a strati con indumenti traspiranti e antivento, bastoncini.
Il programma può essere variato a giudizio della guida per condizioni meteo e di pericolosità.